Psicoterapia dell'età evolutiva

psicoterapia bambini – psicoterapia adolescenti – sostegno genitoriale – disabilità

Psico2.png

Cos'è?

La psicoterapia con i bambini e con gli adolescenti ha caratteristiche diverse da quella rivolta agli adulti, seppur si inserisca nella stessa cornice teorico-metodologica, perché necessita di una maggior apertura verso canali comunicativi ed espressivi diversi dalla semplice parola.

Line separator

“Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perché i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti.” G.K.Chesterton

Adolescenti

 

L’adolescenza è una fase della vita che presenta tematiche specifiche, ovvero quelle che hanno a che fare con il cambiamento corporeo/ormonale che caratterizza questa fase di vita e la costruzione della propria identità differenziata.

Il lavoro terapeutico si costruisce tenendo conto di questo intenso processo in atto e delle manifestazioni emotive e comportamentali ad esso correlate.

Le metodologie utilizzate vanno dal colloquio clinico all’arte-terapia, all’uso di supporti tecnologici in grado di aiutare i ragazzi a esprimersi e affidarsi, anche quando questo sembra molto difficile o addirittura impossibile.

Bambini

 

Con i bambini il lavoro passa prevalentemente attraverso canali diversi da quello verbale: il gioco, l’arte, il movimento, tutti canali che favoriscono la libertà espressiva e la creatività.

Lo sguardo non è mai valutativo, non parto da competenze che il bambino deve aver acquisito perché ha raggiunto una specifica età, ma lo osservo nella sua interezza (esperienze di vita, famiglia, scuola, contesti sportivi o ludici extrascolastici) e nella sua specificità, nel modo in cui cerca di raggiungere l’altro, in cui si rassegna o usa la sua energia per creare e modificare la realtà. Il lavoro consiste nel sostenere le potenzialità e le risorse personali, per favorire la spontaneità e la possibilità di agire nei contesti di vita in modo rilassato e sicuro.

Il lavoro prevede il coinvolgimento dei genitori, ai quali viene chiesto di partecipare non solo in termini organizzativi, ma anche per colloqui calendarizzati in base alla singola situazione e ad eventuali sedute che coinvolgono tutta la famiglia.

Disabili

 

La grande sfida della vita è diventare tutto ciò che abbiamo la possibilità di diventare. Questo vale ancor più per le persone che hanno una malattia o disabilità e che spesso si identificano con i limiti che la situazione porta con sé, perdendo di vista i talenti, le potenzialità latenti e le risorse.

La psicoterapia può essere una strada di ricerca e scoperta, un supporto per far emergere nuove possibilità di crescita e sviluppo, all’interno di un ambiente protetto e attraverso una relazione significativa.

Per i minori in situazioni di disabilità, il percorso viene pensato e costruito insieme ai genitori, sulla base delle possibilità e risorse del minore, concordando obiettivi e modalità di realizzazione. È prevista inoltre la collaborazione con le altre figure curanti.

Sostegno genitoriale

 

Il genitore è il mestiere più difficile al mondo. Lo diceva già Freud un secolo e mezzo fa. Molte e svariate possono essere le difficoltà che si incontrano durante la crescita dei propri figli, alcune dovute a situazioni esterne che si verificano nella vita, altre causate da una storia personale complessa, altre ancora da una difficoltà di sintonizzazione.

Sostenere i genitori significa cercare insieme nuove modalità comunicative e di contatto con i propri figli, in modo da migliorare il clima familiare e le dinamiche tra i componenti della famiglia.